Estate, una serie di eventi in paese

Estate 2021 – Work in progress.
Sarà un estate soft, senza particolar eventi per le restrizioni covid che ancora permangono, ma non faremo mancare momenti di intrattenimento culturale e occasioni di svago soprattutto per i più piccoli.
Si partirà con il Centro Estivo che si protrarrà per tutti il mese di luglio e sarà rivolto ai ragazzi dai 6 ai 14 anni e si svolgerà in un unica sede presso il centro sportivo di Via Scigata (non potrà svolgersi anche nella sede si Cacciugliera per via dei lavori in corso).
Ci sarà un laboratorio suddiviso in 3 moduli (musicale, teatrale e di lingua arbëreshë) rivolto sempre ai ragazzi, che si svolgerá presso la Biblioteca Comunale.
Presenteremo una raccolta di fiabe redatta dallo Sportello Linguistico.
 Sarà poi realizzato l’evento culturale “Un Viaggio attraverso la terra sofiota per riscoprire i luoghi, i sapori e le tradizioni del matrimonio arbëreshë” finanziato dalla Regione Calabria che prevede lo svolgersi di diversi eventi culturali che termineranno il 19 agosto con la rappresentazione della celebrazione del “Matrimonio di Una Volta”.
Sarà dato spazio agli agricoltori sofioti con la tradizionale “Sagra delle Eccellenze Locali” …. e tanto altro ancora che man mano comunicheremo.
 Domani 24 giugno sarà pubblicato l’avviso di adesione al Centro Estivo 2021, quindi invito tutti a presentare domanda in modo da poter organizzare al meglio le attività.
I moduli saranno reperibili sul sito del Comune o direttamene presso l’Ufficio Protocollo.

“Vaccini, orgogliosi dei sofioti”

🔵 💉 Campagna Vaccinale – un bel risultato per il nostro paese.

Sono circa 1200 le inoculazioni vaccinali effettuate nel Comune di S. Sofia d’Epiro in 6 sedute vaccinali diverse per un totale di circa 600 persone vaccinate con prima e seconda dose.
Non era un dato scontato, considerato che a S. Sofia non c’è un centro vaccinale accredito dalla Regione; è un grandissimo risultato che ha però richiesta un grosso impegno.
Non potevamo rimanere inermi, volevamo essere parte attiva della campagna vaccinale e per questo abbiamo preferito attivarci per far sì che buona parte della popolazione sofiota (soprattutto anziani e persone con patologie) si vaccinassero direttamente nel proprio comune.
Siamo dispiaciuti per non essere riusciti nell’intento di vaccinare in loco tutta la popolazione, ma siamo comunque soddisfatti per aver alleviato i disagi di tante persone.

Un grosso grazie va a tutti coloro che hanno dato il loro contributo: all’Azienda Sanitaria Provinciale e in particolare modo al Direttore Sanitario Ottorino Zuccarelli, al nostro compaesano Gennaro Chimento, ai medici del Dipartimento di Prevenzione di Acri dott. Pierino Gallo e dott.ssa Michelina Robertazzo, alle associazioni coinvolte: Croce Rossa, ASPA di Acri, Gospa, Ass. Nazionale Carabinieri -sez. Acri e Bisignano, ai dipendenti del nostro Comune, ai tirocinanti in mobilità ed in particolar modo alla dott.ssa Sabrina Lifrieri per averli coordinati al meglio; ai medici curanti che sono intervenuti e a tutti coloro che in qualsiasi modo e maniera hanno dato il loro contributo.

È stata un unione di forze che ha consegnato alla cittadinanza sofiota un risultato straordinario.

Grazie di cuore a tutti 💪❤️
Con affetto
Il Vostro sindaco

Messaggio di fine anno scolastico

È stato un anno scolastico particolare, caratterizzato da spiacevoli interruzioni delle attività didattiche in presenza, ma nonostante ciò, grazie ad un intenso lavoro degli insegnati e del personale scolastico, si è riusciti a raggiungere gli obiettivi prefissati.
Oggi il nostro augurio va ai bambini che hanno concluso il loro ciclo di studi nella scuola primaria e un grande in bocca al lupo ai sofioti che dovranno sostenere l’esame di Stato.
Un grazie ad insegnanti, personale scolastico, ai genitori degli alunni e a tutti coloro che si impegnano per la formazione dei nostri ragazzi.
Auguri e buone vacanze 💪❤️
Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale.

Festa Sant’Atanasio, rispettiamo le regole

Per la festa patronale è necessaria la collaborazione di tutti, dovranno essere gironi di festa e non di divertimento.

Oggi entrano nel vivo le celebrazioni in onore del santo patrono ma ricordiamoci (e mi riferisco soprattutto a Noi giovani) che la nostra regione è classificata ancora “zona arancione” e nel nostro paese si registrano 10 casi di positività, alcuni di questi, tra l’altro, ricoverati presso strutture ospedaliere.

Per l’1 e 2 Maggio non abbiamo voluto apportare misure ancora più restrittive alle (già martoriate) attività economiche e abbiamo inteso non limitate l’accesso a nessuna aree pubblica.
Al contempo sono stati posti in essere – dopo diversi incontri con il parroco, rappresentanti del comitato festa, il comandante dei carabinieri e il vigile urbano – alcuni provvedimenti per prevenire ed evitare qualsiasi potenziale rischio di contagio.

Ma ciò che sarà indispensabile e la collaborazione di Voi tutti.
In particolare:
– Evitare qualsiasi forma di assembramenti sia in chiesa ma anche in qualsiasi luogo pubblico o provato;
– Indossare sempre la mascherina bei luoghi pubblici, sia all’aperto che al chiuso;
– Per chi partecipa alle celebrazioni, si raccomanda il rigoroso rispetto dei protocolli sottoscritti tra il Governo è la CEI;
– È vietata qualsiasi manifestazione al di fuori di quelle previste nel programma predisposto dal comitato festa e concordato con il parroco, il sindaco e il comandante della locale stazione.
– Si raccomanda di non sostare nei luoghi di maggiore afflusso e transito di persone;
Rammento inoltre che è stata emesso un ordinanza che prevede il divieto di sosta su l’intera piazza S. Atanasio dalle ore 18.00 di sabato 1 Maggio alle ore 13.00 di domenica 2 maggio.
Nella stessa ordinanza sono previste altre limitazioni alla circolazione.

Anche quest’anno dovremmo sopportare un 2 Maggio diverso rispetto a quello che siamo abituati a vivere; dobbiamo fare un ulteriore sacrificio, lo dobbiamo soprattutto alle persone del nostro paese che stanno combattendo ancora contro il covid.

L’augurio è di ritornare, l’anno prossimo, ad abbracciarci nel giorno più bello per S. Sofia.

Confido nel buon senso di tutti i sofioti.. buon senso che finora non è mai mancato e che è stato esemplare in diverse occasioni.

Ringrazio anticipatamente per l’indispensabile supporto, oltre che la locale caserma dei Carabinieri, anche la Polizia Provinciale, il Vigile Urbano e le Associazioni di volontariato che aiuteranno a gestire l’ordine pubblico.

Oggi entrano nel vivo le celebrazioni in onore del santo patrono ma ricordiamoci (e mi riferisco soprattutto a Noi giovani) che la nostra regione è classificata ancora “zona arancione” e nel nostro paese si registrano 10 casi di positività, alcuni di questi, tra l’altro, ricoverati presso strutture ospedaliere.

Per l’1 e 2 Maggio non abbiamo voluto apportare misure ancora più restrittive alle (già martoriate) attività economiche e abbiamo inteso non limitate l’accesso a nessuna aree pubblica.
Al contempo sono stati posti in essere – dopo diversi incontri con il parroco, rappresentanti del comitato festa, il comandante dei carabinieri e il vigile urbano – alcuni provvedimenti per prevenire ed evitare qualsiasi potenziale rischio di contagio.

Ma ciò che sarà indispensabile e la collaborazione di Voi tutti.
In particolare:
– Evitare qualsiasi forma di assembramenti sia in chiesa ma anche in qualsiasi luogo pubblico o provato;
– Indossare sempre la mascherina bei luoghi pubblici, sia all’aperto che al chiuso;
– Per chi partecipa alle celebrazioni, si raccomanda il rigoroso rispetto dei protocolli sottoscritti tra il Governo è la CEI;
– È vietata qualsiasi manifestazione al di fuori di quelle previste nel programma predisposto dal comitato festa e concordato con il parroco, il sindaco e il comandante della locale stazione.
– Si raccomanda di non sostare nei luoghi di maggiore afflusso e transito di persone;
Rammento inoltre che è stata emesso un ordinanza che prevede il divieto di sosta su l’intera piazza S. Atanasio dalle ore 18.00 di sabato 1 Maggio alle ore 13.00 di domenica 2 maggio.
Nella stessa ordinanza sono previste altre limitazioni alla circolazione.

Anche quest’anno dovremmo sopportare un 2 Maggio diverso rispetto a quello che siamo abituati a vivere; dobbiamo fare un ulteriore sacrificio, lo dobbiamo soprattutto alle persone del nostro paese che stanno combattendo ancora contro il covid.

L’augurio è di ritornare, l’anno prossimo, ad abbracciarci nel giorno più bello per S. Sofia.

Confido nel buon senso di tutti i sofioti.. buon senso che finora non è mai mancato e che è stato esemplare in diverse occasioni.

Ringrazio anticipatamente per l’indispensabile supporto, oltre che la locale caserma dei Carabinieri, anche la Polizia Provinciale, il Vigile Urbano e le Associazioni di volontariato che aiuteranno a gestire l’ordine pubblico.

Il sindaco Daniele Atanasio Sisca

Moby Prince, Santa Sofia d’Epiro chiede giustizia – VIDEO

Sabato 17 aprile 2021, alle ore 21.00, prima dello spettacolo Teatrale “M/T Moby Prince”, sui canali istituzionali dell’ente si è svolto un incontro telematico sull’argomento Moby Prince.

Come già anticipato nelle iniziative, vogliamo giustizia per Nicodemo Baffa e per le altro 140 persone che morirono per motivi poco chiari ancora oggi.
Nel video, le testimonianze del sindaco Daniele Atanasio Sisca, di Sara Baffa – figlia di Nicodemo – e di Marta Pettinari attrice e coautrice dello spettacolo e dall’associazione “140-Familiari delle vittime del Moby Prince”.

Moby Prince: vogliamo giustizia

Il 10 aprile del 1991 la nave traghetto Moby Prince si scontra con una petroliera dell’Agip al largo del porto di Livorno. Trenta maledetti anni e attendiamo ancora giustizia.

Abbiamo esposto uno striscione nella sede municipale, e ci saranno iniziative e appuntamenti istituzionali promossi dall’Amministrazione Comunale, in accordo con i familiari di Nicodemo Baffa e in collaborazioni con le associazioni interessate.  Questo pomeriggio 15.00 sarà trasmesso sulla pagina istituzionale del Comune di S. Sofia d’Epiro il messaggio del Sindaco di Livorno Luca Salvetti in diretta streaming dalla Sala Consiliare del Municipio. Giovedì 15 aprile 2021 la Giunta Comunale approverà un importante documento che impegna l’ente a porre in essere alcune attività finalizzate a mantenere viva la memoria e a chiedere giustizia alle autorità competenti. Sabato 17 aprile 2021, alle ore 21.00, lo spettacolo Teatrale “M/T Moby Prince”  sarà in diretta streaming sui canali istituzionali dell’ente.

Uno spettacolo – andato in scenda per la prima volta a Livorno nel 2006 – che in 90 minuti ripercorre la più grande tragedia della Marina Civile Italiana. L’opera è a cura di Francesco Gerardi e Marta Pettinari
Lo spettacolo sarà preceduto dall’intervento del Sindaco, dei famigliari di Nicodemo Baffa, di Marta Pettinari attrice e coautrice dello spettacolo e dall’associazione “140-Familiari delle vittime del Moby Prince”.
L’evento potrà essere visualizzato anche dopo la diretta ma solo per la giornata di domenica 18 aprile 2021.

“Amm.comunale vicina ai tirocinanti”

🟣 Vicinanza è pieno sostegno ai tirocinanti del nostro Comune.

L’Amministrazione Comunale è vicina ai tirocinanti ex percettori di mobilità in deroga che stanno oggi protestando per ottenere il sacrosanto diritto al lavoro e ad una retribuzione dignitosa.

È ancora in corso la battaglia nei confronti degli LSU\LPU il cui ruolo è stato di recente depauperato e svilito ma è già pronto un nuovo vagone carico di precariato che riguarda i tirocinanti calabresi.
Donne e uomini che si spendono giornalmente per garantire servizi essenziali in cambio di un contributo misero e poco dignitoso.
Eppure è proprio grazie a loro che gli enti locali riescono a garantire i propri servizi.
Il nostro Comune con il supporto di 8 tirocinanti riesce a fornire importanti servizi tra cui, in particolare, quelli scolastici e tecnici-manutentivi.

Senza una soluzione definitiva gli enti locali rischiano di non riuscire a fornire le necessarie risposte ai cittadini.
Si auspica una presa di posizione da parte delle autorità competenti.

Campagna vaccinale, gran senso civico

Si è conclusa oggi (con la somministrazione della seconda dose ) la campagna vaccinale per gli ultraottantenni di S. Sofia d’Epiro.
Siamo riusciti a concludere il primo step del piano vaccinale senza nessun intoppo o rinvio nonostante la forte carenza di dosi nel nostro territorio regionale.

I nostri nonni da oggi sono più tutelati e sicuri.
Rimane l’amaro in bocca per non poter proseguire con le stesse modalità organizzatevi anche con le altre categorie previste dal Piano vaccinale.

Rinnovo il mio grazie agli operatori dell’Azienda Sanitaria Provinciale, ai Medici di base dott. Colonna e dott. Fusaro, alla Croce Rossa Italiana, all’A.S.P.A. e all’Associazione Nazionale Carabinieri di Acri, ai dipendenti e amministratori comunali che hanno lavorato assiduamente affinché tutto si svolgesse nel migliore dei modi.

Si conclude un esperienza stupenda fatta di sorrisi e speranza che ha avuto come protagonisti una delle risorse più importanti del nostro paese: “la terza età”.
A loro va il mio grazie per aver dimostrato forte senso civico e grande collaborazione.

Un augurio di santa e serena Pasqua ❤️

Il sindaco Daniele Atanasio Sisca

Depuratore, si opera in trasparenza

Il sindaco Daniele Atanasio Sisca descrive il procedimento penale con il quale viene sancito il corretto operato nella gestione della depurazione comunale.

👉La vicenda.
Nel mese di settembre 2019, un nostro concittadino presentava un esposto indirizzato ai Carabinieri, Forestale e Guardia Costiera sostenendo presunte irregolarità nella gestione della depurazione comunale.

Partirono così delle approfondite indagini presso tutti gli impianti di depurazione del nostro comune all’esito delle quali venne accertata l’assoluta regolarità e funzionalità di tutti depuratori comunali attivi (5 per la precisione), mentre venne riscontrata un’irregolarità presso l’unico impianto di depurazione inattivo (e tra l’altro mai entrato in funzione) sito in località Faudano, il quale venne posto subito sotto sequestro.
Tale impianto fu realizzato sul finire degli anni 80 con l’intento di depurare le acque reflue provenienti dalla zona industriale ma non è mai entrato in funzione perché sostituito con un altro impianto posto nelle immediate adiacenze.

Dopo settimane di indagini svolte dalla Capitaneria di Porto di Corigliano (con la nostra incondizionata disponibilità e collaborazione) veniva accertato un “passaggio” illecito di acque reflue (all’interno di questo depuratore inattivo) con successivo sversamento delle stesse nel fiume Crati.
Tale situazione sussisteva dagli inizi degli anni 2000, ovvero da quando fu realizzata la condotta fognaria della zona industriale e mai nessuno, in questo lungo lasso di tempo di circa 20 anni, se n’era mai accorto (noi compresi).
In verità, era molto difficile accorgersene in quanto il passaggio delle acque non avveniva in superficie ma tramite condotte poste ad oltre 4 metri al di sotto del suolo che scaricavano poi direttamente nel fiume in un luogo non facilmente visibile.

Ad ogni modo, pur consapevole che si trattasse di un’anomalia non riconducibile alla nostra gestione amministrativa, mi accollai – in attesa che venisse fatta luce sulla vicenda – le dovute responsabilità e accettai con serenità un procedimento penale con la contestazione di importanti reati.

Oggi, dopo circa un anno e mezzo dall’avvio del procedimento, ci giunge il decreto di archiviazione del GIP presso il Tribunale di Castrovillari con il quale viene sancita la completa estraneità del sottoscritto e del responsabile dell’Ufficio Tecnico in merito ai reati contestati.
Si legge, infatti, nella proposta di archiviazione del Pubblico Ministero che “RISULTA ASSOLUTAMENTE CREDIBILE CHE SIA IL LUZZI SIA IL SISCA NON FOSSERO A CONOSCENZA DELLA PROBLEMATICA ACCERTATA DALLA CAPITANERIA”.

Ma non solo.
Nella richiesta del Pubblico Ministero, non solo viene sancita la nostra estraneità ai fatti, ma viene dato atto che la nostra amministrazione “SI È ADOPERATA IMMEDIATAMENTE PER RIPRISTINARE LA CORRETTA DEPURAZIONE DELLE ACQUE, ATTRAVERSO L’ESCLUSIONE DELLE STRUTTURE OBSOLETE” e per di più “LA GESTIONE AMMINISTRATIVA È STATA IMPRONTATA AL RECUPERO DELLA PROBLEMATICA IN ASSOLUTA COLLABORAZIONE CON L’AUTORITÀ GIUDIZIARIA E CON L’ARPACAL”.

👉In conclusione.
Da questa vicenda è emerso il regolare funzionamento di tutti e 5 gli impianti di depurazione attivi nel nostro comune, mente è stata riscontrata una anomalia nell’unico impianto inattivo; anomalia presente da circa 20 anni, che noi abbiamo prontamente ripristinato dopo l’accertamento dell’autorità giudiziaria.
Ho avuto sul groppone per 18 mesi un procedimento penale avente ad oggetto importanti reati ma alla fine la #verità viene a galla …sempre.
Dispiace solo per qualche oppositore specializzato in opere di sciacallaggio che sperava forse in un esito diverso della vicenda.
#AvantiTutta

Segue la stessa scia, il commento della consigliera Nunzia Spagnuolo:”Giustizia è fatta. Enorme soddisfazione per questo importante risultato ottenuto dalla nostra amministrazione. Oltre a dimostrare la nostra estraneità ai fatti ci siamo adoperati in modo tempestivo ed efficace nella risoluzione della problematica, non a caso il Pubblico Ministero non solo ha archiviato la posizione degli indagati ma ha anche apprezzato l’impegno della nostra amministrazione a risolvere in tempi brevi la situazione ..#avantitutta”

Vaccini ecco le modalità per la seconda dose agli ultra 80enni

PIANO VACCINALE – – – SOMMINISTRAZIONE SECONDA DOSE AGLI ULTRAOTTANTENNI SOFIOTI.
I cittadini di S. Sofia d’Epiro “ultraottantenni” che hanno ricevuto la prima dose il 13 marzo scorso riceveranno la seconda dose, così come già programmato, in data 3 aprile 2021 con le stesse modalità organizzative e logistiche adottate per la prima dose, quindi presso l’Accademia della Musica sita in Via Mustica Grande.
A tali soggetti, qualche giorno prima, sarà comunicato telefonicamente l’orario in cui dovranno recarsi presso la struttura.
Si raccomanda di rispettare l’orario indicato e di portare con sè la documentazione rilasciata al momento della somministrazione della prima dose.
Ci auguriamo non ci siano variazioni di programma dovute alla forte carenza di dosi “pfizer”.
Ricordiamo ancora che i soggetti fragili dovranno invece prenotarsi tramite la piattaforma raggiungibile tramite il seguente link https://accesso.prenotazioni.vaccinicovid.gov.it/