Moby Prince, Santa Sofia d’Epiro chiede giustizia – VIDEO

Sabato 17 aprile 2021, alle ore 21.00, prima dello spettacolo Teatrale “M/T Moby Prince”, sui canali istituzionali dell’ente si è svolto un incontro telematico sull’argomento Moby Prince.

Come già anticipato nelle iniziative, vogliamo giustizia per Nicodemo Baffa e per le altro 140 persone che morirono per motivi poco chiari ancora oggi.
Nel video, le testimonianze del sindaco Daniele Atanasio Sisca, di Sara Baffa – figlia di Nicodemo – e di Marta Pettinari attrice e coautrice dello spettacolo e dall’associazione “140-Familiari delle vittime del Moby Prince”.

Si lavora per progetti in tutto il paese

E’ terminata la fase progettuale degli interventi di messa in sicurezza delle aree di “Via Moroiti, Via Trieste, Villa Comunale e Parco Fluviale” e a breve partiranno i lavori.
Il progetto prevede interventi di messa in sicurezza di tali zone con particolare riferimento alla Villa Comunale e al Parco Fluviale (tra Via Trieste e Via Mustica Grande).
Con tali interventi si renderanno queste aree più funzionali e fruibili, valorizzando soprattutto la villa comunale (punto di riferimento per i nostri bambini) e l’area del parco fluviale (tra Via Trieste e Via Mustica Grande).
L’importo stanziato dei lavori è di 700.000,00 euro a valere su un finanziamento del Ministero dell’Interno intercettato dalla nostra Amministrazione lo scorso anno.
Anche questo progetto ha subito un rallentamento a causa dell’emergenza pandemica ma si cercherà di appaltare i lavori nel minor tempo possibile.

Miglioramento centro storico, presto gli interventi

Il Comune di S. Sofia d’Epiro è rientrato nella prima selezione nazionale del progetto denominato “Salvaguardia, valorizzazione e miglioramento sismico dei centri storici”, un’iniziativa – curata da ANCI Comunicare – legata alle opportunità offerte dal Sisma Bonus.
Il nostro Comune, collocato in zona sismica di rischio elevato, potrà beneficiare di interventi di miglioramento sismico presso le abitazioni private dei centri e borghi storici nei comuni con meno di 5000 abitanti.
Lo rende noto il sindaco Sindaco Daniele Atanasio Sisca che in data odierna ha ricevuto la comunicazione.
È un’opportunità per il nostro Comune che potrà attuare interventi di riqualificazione e di messa in sicurezza di unità abitative collocate nel centro storico, cercando di contrastare, così, il triste fenomeno dello spopolamento.
Il progetto – attuato dalla società M3S, in collaborazione con le facoltà di ingegneria dell’Università degli Studi di Roma 3 e dell’Università dell’Aquila – prevede l’attuazione un piano di diagnostica, miglioramento sismico e monitoraggio delle abitazioni.

Lettera del sindaco ai sofioti

LETTERA APERTA DEL SINDACO DANIELE ATANASIO SISCA AI SOFIOTI.

Un anno trascorso da dimenticare ma un 2021 colmo di speranza.

 

Ho difficoltà a pensare al 2020 e fare la sintesi di quanto accaduto.

Non voglio ricordare i tanti momenti bui che abbiamo vissuto.

Non voglio pensare a quel fatidico 3 marzo in cui fui costretto ad emettere un’ordinanza che disponeva la chiusura delle scuole.

Non voglio ricordare le tantissime telefonate della gente impaurita che chiedeva aiuto, sostengo, rassicurazioni.

Non voglio pensare ai funerali dei nostri concittadini celebratisi, in alcuni casi, senza la presenza neppure dei familiari più cari.

Non voglio pensare alle celebrazioni del nostro patrono Sant’Atanasio che si sono svolte “a porte chiuse” e alla sola presenza delle autorità.

 

Vorrei che questo anno non fosse mai trascorso o che, al massimo, fosse solo un brutto ricordo vissuto.

L’augurio è quello di inaugurare il 2021 come l’anno della rinascita sociale, culturale e soprattutto economica.

Anzi, dobbiamo cogliere quanto accaduto per ricostruire e tornare più forti e tenaci di prima.

Il 2021 sarà anche l’anno in cui il nostro progetto politico inizierà a prendere forma.

Anche se a rilento, proprio a causa della pandemia, abbiamo da poco avviato importanti cantieri che, nei prossimi mesi, porteranno alla luce diverse opere. Prime fra tutte, l’ampliamento e la riqualificazione del cimitero comunale, il parco fluviale, così come importanti opere che riguarderanno la viabilità nelle frazioni e il piano di rigenerazione urbana, in modo da offrire un volto nuovo al nostro paese.

 

L’augurio più sentito oggi lo rivolgo alle persone che fanno parte di questo progetto, alla Giunta comunale e all’intero consiglio. Al vicesindaco Vincenzo Sanseverino, a Rossella Sica e Nunzia Spagnuolo, ad Antonello Gradilone, Carmine Paldino, Livio Augusto Caravona e Natale Groccia.

È grazie a loro se siamo riusciti a superare una pandemia che ha messo a dura prova l’intera popolazione mondiale.

Un pensiero particolare va a tutte le famiglie sofiote che hanno combattuto in prima persona contro il virus nonché alle tante persone sottoposte a quarantena domiciliare.

Un fiore per tutti i sofioti che in questo anno ci hanno lasciato.

Un augurio speciale agli anziani e agli ammalati, affinché il nuovo anno possa loro portare serenità e sollievo.

Un augurio ai nostri bambini, i primi a pagarne le conseguenze di questa pandemia.

Un augurio ai sofioti che vivono lontano che stanno soffrendo ancora di più la lontananza dei propri cari.

 

Giungano a tutti i sofioti i miei più calorosi e affettuosi auguri.

Con il cuore BUON 2021

Un aiuto per commercianti e famiglie

Da Santa Sofia d’Epiro arrivano aiuti per le attività commerciali e per le famiglie in difficoltà. Lo ha annunciato il giovane sindaco, il trentenne Daniele Atanasio Sisca: “Sicuramente portiamo buone nuove in questo periodo, programmando la ripartenza del nostro paese. Abbiamo approvato nei giorni scorsi un importante piano di aiuti ad imprese e famiglie in difficoltà. Si tratta di due distinti avvisi pubblici che prevedono: 500,00 euro a fondo perduto per le attività artigiane e commerciali del Comune di S. Sofia d’Epiro; nonché sostegno alimentare alle famiglie in difficoltà tramite consegna diretta di beni per il periodo natalizio e contributo “una tantum” tramite l’erogazione di buoni spesa. Prossimamente saranno pubblicati entrambi gli avvisi con tutte le informazioni dettagliate per poter accedere ai contributi”.
Il gruppo di maggioranza ha inoltre recepito il periodo chiedendo ai sofioti di scegliere la filiera locale anche per queste feste: ” Anche per fare un regalo, o per far sentire il nostro calore a chi ė lontano, scegliamo qualcosa che viene prodotta in città. Guardate con fiducia a quanto riusciamo a produrre con sacrificio, i nostri artigiani stupiscono per la qualità delle loro opere, anche per quelle che possono servire nella vita quotidiana. Soprattutto in questo periodo, le nostre medie e piccole attività commerciali mantengono più risorse sul territorio e così anche gli utili restano sul posto.
Per Natale, pensiamo a chi ci mette il cuore. Pensiamo al nostro paese, ai nostri commercianti, al nostro presente e al nostro futuro”.

Natale nel Borgo, insieme alla comunità

Natale nel Borgo” è la kermesse di eventi che si terrà nel Comune di Santa Sofia d’Epiro dal 13 dicembre sino alla vigilia dell’Epifania per festeggiare con spirito natalizio insieme alla comunità, con l’aiuto della Pro Loco. L’augurio del sindaco Daniele Atanasio Sisca e di tutta l’amministrazione comunale è che si possa vivere appieno lo spirito natalizio, all’insegna dei valori veri e dell’amicizia, anche come buon auspicio per il 2020 che verrà, ricco di salute, felicità e nuove speranze. Il ricco cartello di iniziative e appuntamenti vuole accontentare un po’ di tutti, con un occhio di riguardo ai più piccini, ma anche ai momenti di aggregazione che riguarderanno la solidarietà, nonché le componenti artistiche con spazio per quanti hanno talento. Il nostro obiettivo è di fare in modo che concretamente il Natale rechi con sé tutti gli aspetti positivi possibili, dando un messaggio di speranza e di aiuto, cercando di festeggiare tutti insieme e mostrando così il lato migliore di ognuno di noi. “Natale in borgo” vuole così essere da traino per portare turismo in città e aiutare così anche i commercianti, le botteghe e quanti offrono le tipicità del Natale. Proprio per questo, ringraziamo tutti quelli che, a vario titolo, ci aiutano e ci aiuteranno per questa edizione di “Natale nel Borgo”, la prima di una lunga serie a Santa Sofia d’Epiro.

Comunicato Stampa Amm.Com. Santa Sofia d’Epiro    / 9-12-2019

Una scelta Etica per Natale

Avevamo inizialmente deciso, visto il difficile momento, di non addobbare le nostre strade con le consuete luminarie natalizie.
Ma poi abbiamo riflettuto sul fatto che il nostro paese è già tanto triste con molte delle attività chiuse e che un segnale di festa e di speranza era d’obbligo concederlo.
Abbiamo in ogni caso ritenuto opportuno abbattere notevolmente la somma impegnata rispetto agli altri anni e il risparmio ottenuto abbiamo deciso di destinarlo alla gestione dell’emergenza.
Le luminare sono ancora in corso di allestimento e dovranno essere installate, nei prossimi giorni, nella parte inferiore del centro abitato.
Con il sincero augurio, da parte mia e dell’Amministrazione Comunale, che le festività natalizie possano alleviare le sofferenze che ormai da mesi attanagliano la nostra quotidianità.
Buon mese di dicembre a tutti

Daniele Atanasio Sisca

Sindaco Santa Sofia d’Epiro

La salute a ogni costo

Senza risposte e senza valido supporto da parte dell’autorità sanitaria, saremo costretti a provvedimenti forti, primo tra tutti la chiusura della scuola a partire da dopodomani.

Qualche giorno fa ho denunciato pubblicamente il grave ritardo nelle operazione di tracciamento, tamponamento e comunicazione dei risultati dei tamponi effettuati.
Ad oggi nulla è cambiato, anzi la situazione è del tutto peggiorata.
Occorrono provvedimenti forti prima che sia troppo tardi; di certo non aspetteremo passivamente che la situazione ci sfugga di mano.
Oggi, dopo aver discusso con i Dirigenti dell’Azienda Sanitaria, abbiamo chiesto che vengano adottati idonei provvedimenti per la tutela della salute dei cittadini di S. Sofia d’Epiro.
Abbiamo proposto una giornata di tamponi sul nostro territorio comunale con strutture messe a disposizione dal Comune ed eventualmente anche con personale sanitario volontario che ha già dimostrato la disponibilità a collaborare con noi e con l’Asp.
In subordine abbiamo chiesto il potenziamento della sede USCA di Acri.
Qualora non dovessimo ricevere risposte concrete e risolutive della problematica entro la giornata di domani, saremmo costretti ad adottare provvedimenti restrittivi, primo tra tutti la sospensione delle scuole di ogni ordine e grado a partire da dopodomani.
I casi attualmente attivi nel nostro paese sono soltanto 5 e sono anche sotto controllo, ma quasi sicuramente questo numero è destinato a salire in considerazione di quello che sta accadendo intorno a noi.
Il tracciamento e ormai andato in tilt ed è nostro dovere tutelare la salute e la sicurezza dei nostri concittadini.
E lo faremo a qualunque costo.
Vi terremo comunque costantemente aggiornati.

Daniele Atanasio Sisca – sindaco S.Sofia d’Epiro

Tranquilli e compatti contro il covid

TRANQUILLITÀ e PREVENZIONE:queste le parole d’ordine.

Ho constatato purtroppo che dalla giornata di ieri ma soprattutto oggi si respira un clima di scarsa tranquillità in seguito alle notizie inerenti gli ambienti della movida calabrese ed anche per il caso di positività registrato ad Acri.
Lo dimostrano le decine di telefonate che sto ricevendo durante le quali mi viene chiesto se vi siano problematiche che interessano anche il nostro paese.
INIZIAMO COL DIRE CHE NELLA NOSTRA CITTADINA – PER SMENTIRE QUALCHE VOCE CHE HA CIRCOLATO QUESTA MATTINA – NON C’È NESSUN CASO DI POSITIVITÀ.
E poi un’altra cosa, c’è bisogno di tranquillità, a prescindere.

Innanzitutto per quanto riguarda il caso di Acri la situazione risulta sotto controllo, ho sentito il Sindaco e i funzionari dell’Asp.

Per quanto concerne i casi riscontrati nella movida calabrese occorre precisare che anche se vi sono state frequentazioni di luoghi nei quali è transitato un soggetto positivo questo di per sè non vuol dire aver contratto il virus.
Certo, il rischio c’è sempre, ma è presunto e va gestito con tranquillità.
Evitiamo di innescare la macchina del fango nei confronti di coloro che “FORSE” hanno avuto contatti con persone che “FORSE” sono stati in un luogo che “FORSE” è stato frequentato da un soggetto positivo.

La seconda cosa importante: LA PREVENZIONE.
Se adottiamo le misure imposte non può esserci alcun rischio, anche se usciamo e se frequentiamo luoghi al chiuso.

Un terza precisazione: la nostra amministrazione, insieme agli enti preposti, sta seguendo passo passo gli sviluppi dell’epidemia, abbiamo proposto il test sierologico (completamente gratuito) a tutti coloro che stanno giungendo a S. Sofia d’Epiro dalle altre regioni e dall’estero, così come abbiamo fatto per i titolari e i dipendenti delle attività commerciali Sofiote, per un totale di 320 test effettuati, risultati tutti NEGATIVI.

Per ultimo, una raccomandazione, seguiamo solo le informazioni dei canali ufficiali o contattiamo le istituzioni competenti per qualsiasi informazione o chiarimento, evitiamo assolutamente di prendere per buono il “sentito dire”, rischiamo di fare del male a noi, al nostro paese e soprattutto alle persone che vengono prese di mira da qualche sprovveduto.

Noi ci siamo per qualsiasi informazione e supporto.
Raccomandiamo, infine, l’utilizzo dei dispositivi individuali di protezione in luoghi chiusi e anche all’aperto qualora non possa essere rispettata la distanza interpersonale di sicurezza.

DANIELE ATANASIO SISCA

SINDACO SANTA SOFIA D’EPIRO

Collegamenti, non va dimenticata l’Arberia

Intervento del sindaco Daniele Atanasio Sisca al Quotidiano del Sud

 

L’area della Valle del Crati è divenuta ormai una realtà abitativa e industriale di cui non si può assolutamente prescindere nella realizzazione di queste infrastrutture.
Aver collegato la Sibaritide con il resto dell’Italia è un risultato epocale ma in questo modo è come se mancasse un tassello al mosaico.
Con l’istituzione della fermata di Torano potremmo davvero iniziare a sperare nel rilancio delle nostre comunità, forse troppo prive di opere di collegamento.
Ma in disparte a tale aspetto mi corre anche l’obbligo di precisare che sul versante destro e sinistro della Valle del Crati insistono le comunità di origine Italo-albanese che rappresentano un patrimonio per il nostro territorio e per la nostra regione.
Si tratta di diverse comunità (Santa Sofia d’Epiro, Cervicati, Mongrassano, Cerzeto, San Martino di Finita, San Benedetto Ullano) per un totale di circa 12.000 abitanti e con un patrimonio storico, artistico e culturale inestimabile.
Quindi oltre all’aspetto logistico e infrastrutturale questa fermata rappresenterebbe il rilancio di questo turismo che inciderebbe non poco sull’intero assetto turistico regionale.
Sono certo che il nostro appello sarà accolto dagli enti interessati.