Saremo attenti a ogni aspetto…anche a quello comunicativo. Abbiamo uno staff giovane ma fortemente preparato in queste materie, con competenze di primo livello a disposizione. L’ unica nostra mail di contatto è [email protected], oltre alla pagina facebook https://www.facebook.com/rilanciamosantasofiadepiro/

In molti di voi hanno chiesto di più, così partiamo direttamente dal primo elemento mostrato, ovvero il nostro simbolo con il quale ci siamo presentati a tutti. Descriviamo dunque: il sole rappresenta la rinascita, la vitalità di una città che ha bisogno di rilanciarsi, come dimostra lo stesso nome. La base su cui fare tutto, rilanciare Santa Sofia, per riprogrammare, rifare qualcosa di buono per questa comunità. Il campanile rispecchia una tradizione fortemente voluta, di un nucleo che si tramanda da più anni e che ha fatto tanto per la città di Santa Sofia d’Epiro. La stilizzazione cittadina è per crescere dal punto di vista della comunità, ognuno ha valore, nessuno è solo. Valori che spesso dimentichiamo, ma possono essere il volano di un’intera comunità. Attivi sul territorio, con nuove forze e nuove idee per RILANCIARE la nostra città #RilanciamoSantaSofia.  Ecco a voi il nostro programma elettorale.

PREMESSA

Cimentarsi nel governare la cosa pubblica – al mondo d’oggi – è una scelta di coraggio, un atto nobile da compiere solo se si è mossi da solidi sentimenti di attaccamento al proprio paese e se si è consapevoli di cosa veramente significa amministrare un territorio.

Occorrono quindi tre elementi indispensabili: Lealtà, Passione e Impegno.

E proprio questi sono i tratti caratterizzanti il nostro gruppo politico.

Un gruppo che poggia le sue basi su solide fondamenta, un gruppo che è riuscito a far conciliare in sé la tradizione con l’innovazione, i giovani con i meno giovani, l’esperienza di alcuni con l’entusiasmo di altri.

La scelta di lasciare inalterato (seppur rinnovato) i trattati essenziali del simbolo storico del campanile col sole splendente vuole significare, infatti, la continuità di idee, di valori e di lavoro già svolto anni addietro.

Si tratta di un gruppo omogeneo che con i suoi candidati rispecchia tutte le zone del nostro vasto territorio e tutte le qualità e le competenze di cui un’amministrazione comunale necessita.

Abbiamo deciso in piena concordia di redigere un programma elettorale semplice e non sfarzoso.

D’altronde siamo consapevoli del periodo di difficoltà economica che stanno attraversando le autonomie locali e per questo abbiamo ritenuto opportuno concentrare il nostro operato soltanto su alcuni punti cardine che si muovono verso un unico obiettivo: #Rilanciare Santa Sofia.

Quanto scritto in questo programma è il frutto di diversi mesi di lavoro. Mesi in cui eravamo nelle case, abbiamo discusso con la gente, abbiamo preso atto e sono state toccate con mano le problematiche che riguardano la nostra cittadina. Insomma, nulla è stato scritto a caso…come spesso avviene nella stesura di un programma elettorale.

Siamo consapevoli che non importa la quantità o la qualità di un programma ma importa che questo venga condiviso e reso proprio da tutti i cittadini. Ed è stato proprio questo il primo obiettivo che ci siamo prefissati: quello di creare un programma assieme ai cittadini e per i cittadini. E con estrema soddisfazione possiamo affermare di esserci riusciti.

Buona lettura.

 Avv. Daniele Atanasio Sisca

Vivere al meglio nella nostra comunità

Infrastrutture – Viabilità – Urbanistica

 

Una pianificazione urbanistica corretta garantirà una crescita equilibrata ed accogliente del territorio. Si necessita quindi di una pianificazione mirata e finalizzata al miglioramento della vivibilità all’interno del territorio comunale.

Tra le priorità vi è – senza dubbio – una risoluzione definitiva dei problemi inerenti il cimitero comunale tramite l’ampliamento dello stesso, nonché la sua riqualificazione.

Maggiore attenzione sarà prestata anche alla viabilità delle strade rurali con interventi di manutenzione costante.

Ecco i punti fondamentali su cui intervenire:

  • risoluzione della questione del “ponte sul Crati”, da anni conteso tra più Enti, con interventi mirati e finalizzati all’individuazione dell’Ente deputato alla manutenzione;
  • formazione di un piano di interventi di messa in sicurezza e ripristino delle strade rurali a seconda delle condizioni e priorità;
  • riqualificazione del centro storico attraverso il reperimento di fondi da concedere a chi intende ristrutturare l’esterno degli immobili;
  • attuazione di interventi mirati all’acquisto, da parte dell’Ente comunale, di abitazioni in disuso nel centro storico con la conseguente riassegnazione a coloro che hanno intenzione di ristrutturarla e di abitarla;
  • riqualificazione della rete idrica tramite il monitoraggio delle perdite al fine di recuperare il quantitativo di acqua;
  • manutenzione costante delle cunette e degli argini delle strade rurali;
  • potenziamento del servizio di illuminazione pubblica soprattutto nelle zone rurali più popolate;
  • riqualificazione di tutta la segnaletica del centro abitato e delle zone rurali;
  • interventi nel centro abitato volti alla creazione di marciapiedi e zone pedonali per favorire la viabilità pedonale;
  • favorire il reddito energetico, progetto che si basa su un fondo pubblico che serve a finanziare l’installazione gratuita di impianti fotovoltaici sulle case dei cittadini, a partire da quelli con redditi più bassi. Oltre a ridurre le bollette degli utenti, l’energia prodotta dai pannelli verrà ceduta alla rete, alimentando un fondo che, a sua volta, potrà finanziare nuovi impianti creando così un circolo virtuoso. Il reddito energetico permetterebbe alle istituzioni di aiutare chi è in difficoltà tutelando l’ambiente e promuovendo la democrazia energetica;
  • attuare soluzioni di contrasto al randagismo tramite convenzioni con le strutture competenti nel settore e attraverso forme di sensibilizzazione della cittadinanza, anche attraverso il supporto delle associazioni presenti sul territorio;
  • individuare forme di collaborazione con la Parrocchia al fine di rendere fruibile la struttura dell’ex asilo delle Suore Basiliane;
  • riportare tra le strade la figura del vigile, soprattutto nelle ore di punta;
  • creazione di un’area permanente destinata all’atterraggio dell’elisoccorso e del C.O.C. – Centro Operativo Comunale di Protezione Civile;

Far germogliare la nostra agricoltura

Agricoltura – Ambiente

L’agricoltura è da sempre il settore trainante della nostra comunità. Quasi la totalità delle nostre famiglie vive direttamente o indirettamente con i frutti della nostra terra.

Questo non può esimerci dal considerare questo settore come prioritario nel piano di interventi del prossimo mandato amministrativo.

Siamo estremamente convinti, infatti, che la valorizzazione di tale settore produrrà risultati positivi su tutta l’economia sofiota.

Si necessità perciò di interventi mirati al rilancio e alla valorizzazione dell’agricoltura e all’incentivazione e agevolazione delle piccole aziende agricole. Ciò anche in considerazione delle numerose difficoltà – economiche, tecniche e burocratiche – a cui i piccoli agricoltori vanno quotidianamente incontro.

Ecco i punti fondamentali su cui intervenire:

  • maggiore attenzione alle aziende che producono prodotti tipici del nostro territorio;
  • realizzazione di uno sportello informativo che aiuti gli agricoltori nelle istruttorie burocratiche cui devono ottemperare e che li supporti tecnicamente, mediante l’apporto di tecnici, nello svolgimento delle loro attività e predisposizione di incontri periodici con le realtà produttive locali per raccoglierne le istanze e le problematiche in modo da avere un chiaro monitoraggio della situazione economica e produttiva del territorio;
  • ottenimento del marchio DE.CO che mira a promuovere prodotti di eccellenza locali;
  • maggiore cooperazione con il Consorzio Colline di Cosenza al fine di impostare politiche agricole sostenibili e valorizzative dei nostri prodotti creando un marketing territoriale mirato alla vendita degli stessi verso un nuovo mercato in Italia e all’estero;
  • promozione di corsi di formazione per agricoltori e cittadini aventi ad oggetto rischi e svantaggi del trattamento e utilizzo di prodotti fitosanitari, buone pratiche in agricoltura, sicurezza sul lavoro e smaltimento rifiuti prodotti da agricoltura;
  • promozione di eventi che valorizzano i prodotti tipici di Santa Sofia d’Epiro sia nel centro cittadino (attraverso la valorizzazione dell’ormai storica Sagra dei contadini e delle attività produttive) ma anche nelle zone periferiche ed in particolare nelle aziende agricole;
  • inserimento delle aziende agricole nei percorsi turistici che il Comune offrirà ai turisti;
  • individuazione di uno spazio pubblico da mettere a disposizione delle aziende per la vendita periodica dei loro prodotti,
  • creazione di un canale telematico per la promozione e la pubblicizzazione delle aziende agricole e dei loro prodotti;
  • favorire la nascita di cooperative di servizi che metta a disposizione mezzi e risorse umane ai proprietari dei terreni che ne siano privi, ciò al fine di evitare lo stato di abbandono;
  • favorire – per via delle caratteristiche geomorfologiche dei nostri terreni – la coltivazione di frutti minori o piante officinali che potrebbero essere fonti di reddito o di lavoro.

 

Lealtà, passione, impegno

Sport, Spettacolo, Tempo Libero

Questi settori rappresentano senza dubbio una forma di aggregazione (soprattutto giovanile) che l’Ente comunale deve necessariamente valorizzare. Bisogna partire da una valida e fattiva collaborazione con le diverse associazioni già esistenti e operanti sul territorio.
Si punterà sul sostegno costante alle attività di tutte le associazioni operanti in campo sociale, aggregativo e sportivo, provvedendo alla stipulazione di convenzioni, all’ assegnazione di fondi sulla base della valutazione dei progetti di volta in volta presentati. Siamo, infatti, consapevoli che ogni bene affidato alle associazioni contribuirà allo sviluppo di attività sociali e sportive sul territorio.
La mancanza di una squadra di calcio ha portato i giovani ragazzi talentuosi e amanti dello sport a giocare in altre comunità. Dobbiamo pertanto ricreare questi momenti di aggregazione per sviluppare una cultura diffusa dello sport e del movimento a beneficio di tutta la comunità. I nostri giovani si sono distinti e si contraddistinguono per abilità e, soprattutto, per cultura dello sport da cui derivano regole e amicizie.
Ecco i punti fondamentali su cui intervenire:

  • garantire la possibilità a chiunque di svolgere pubblicamente e gratuitamente il maggior numero di attività sportive;
  • concedere alle associazioni la gestione degli impianti sportivi (palestra comunale, campo da tennis, campo sportivo, bocciodromo, accademia della musica ecc.) per un funzionamento efficiente;
  • migliorare la qualità del servizio degli impianti sportivi presenti sul territorio cittadino;
  • potenziamento dell’attività sportiva nelle scuole mettendo a disposizione e favorendo l’utilizzo di tutte le strutture comunali;
  • favorire l’organizzazione – in diversi periodi dell’anno e mediante le associazioni – di eventi sportivi multi-disciplinari;
  • favorire in tutti i modi la formazione di una squadra di calcio e della scuola calcio per bambini attraverso la concessione di beni e di contributi economici, nonché favorire e attrarre nuove discipline richieste dai giovani sofioti.

 

Arbëreshë 2.0

Turismo e promozione territoriale

Santa Sofia d’Epiro, come tutte le comunità arbëreshë vanta un generoso patrimonio culturale: chiese, palazzi gentilizi e particolari architettonici antichissimi che testimoniano la nostra cultura italo-albanese.

Oggi, inoltre, vi sono numerose strutture comunali di nuovissima costruzione o ristrutturazione quali l’Accademia della musica, il Museo del costume, il Caffè letterario.

Tale patrimonio – antico e moderno – è motivo di attrattiva per i turisti che appositamente o casualmente vengono a visitarci.

Nonostante ciò, però, il tema del turismo solleva diverse problematiche. È necessario quindi pianificare un adeguato piano di promozione al fine di valorizzare le qualità storiche, agricole e paesaggistiche del nostro territorio.

Ecco i punti fondamentali su cui intervenire:

  • valorizzazione del centro storico con adeguata segnaletica per percorso a piedi e con cartelli informativi su ogni sito di valenza storico-artistica;
  • pianificazione di orari di apertura quotidiana del Museo del costume.
  • maggiore fruibilità e utilizzabilità del Caffè letterario tramite l’organizzazione di eventi culturali quali presentazione di libri, mostre, convegni, ecc.;
  • organizzazione eventi per riscoprire le nostre origini e valorizzare la realtà contemporanea degli arbëreshë puntando con fiducia sulla promozione della loro esistenza e persistenza;
  • istituzione di figure professionali adeguatamente formate alla promozione territoriale;
  • inserimento del Comune di Santa Sofia d’Epiro nei canali turistici e instaurazione di rapporti di collaborazione con le agenzie di viaggio per la creazione di pacchetti mirati da offrire alla clientela;
  • incentivazione della produzione di souvenir da parte degli artisti locali, di pubblicazioni di fotolibri, cartoline, libri, testi, cd, dvd ecc.;
  • incentivazione e rafforzamento del ruolo della Pro Loco;
  • Stimolare stage formatvi dei laureandi nelle imprese e nell’ente pubblico grazie alle possibili convenzioni avivabili con i centri per l’impiego.
  •  Creare una “short-list” di laureati/diplomati suddivisi per competenze disponibili.

Noi e Voi per rilanciare S. Sofia

Trasparenza amministrativa, rapporto enti e cittadini

 

Il rapporto con i cittadini sarà uno dei capisaldi dell’azione amministrativa. Siamo infatti consapevoli che è ormai inevitabile un maggiore e attento coinvolgimento dei cittadini nelle scelte più importanti della vita dell’Ente.

Ed è per questo che utilizzeremo tutti i mezzi possibili per la divulgazione delle informazioni e per l’attivazione di processi partecipativi e di trasparenza al fine di coinvolgere pienamente e responsabilmente tutti i cittadini. Tutte le scelte saranno adottate dopo aver ascoltato la cittadinanza, prendendo atto della loro opinione.

Ecco i punti fondamentali su cui intervenire:

  • pieno coinvolgimento della cittadinanza tramite uno spazio dedicato (telefonico, web, ecc.) per la segnalazione di interventi su condizioni di strade, scuole, malfunzionamento dei servizi pubblici, ecc.;
  • costante aggiornamento nonché maggiore fruibilità del sito internet istituzionale;
  • utilizzo di altri canali social per l’immediata divulgazione delle notizie (Facebook, Instagram, ecc.)
  • conferenze pubbliche aventi ad oggetto scelte importanti dell’amministrazione ed in particolar modo la redazione del bilancio;
  • istituzione di un ufficio che curi i rapporti con i mezzi di comunicazione per le attività degli organi rappresentativi, che coordini la comunicazione delle aree e settori e delle attività di animazione dei profili social e telematici del Comune;
  • trasmissione sul web dei lavori del Consiglio Comunale, pubblicazioni comunali specifiche e settoriali.

Lavoro di squadra, lavoro per tutti

Zona Industriale, Commercio, Politiche del Lavoro

 

Santa Sofia è un paese caratterizzato da un territorio ricco di realtà agricole e industriali.

Con sinergia e stretta collaborazione tra l’ente comunale e gli imprenditori presenti su tutto il territorio si potrà incrementare il commercio con la conseguenziale possibilità di investire con maggiore certezza nel nostro territorio.

La Zona Industriale, negli ultimi anni abbandonata e trascurata, possiede potenzialità enormi che dovranno essere sfruttate pienamente; si pensi infatti alla presenza di diverse realtà che rappresentano un’eccellenza nei vari settori in cui le stesse operano.

Con la valorizzazione di tali attività è possibile garantire la nascita di un polo industriale capace di creare nuovi posti di lavoro e trainare lo sviluppo dell’intera comunità.

Ecco i punti fondamentali su cui intervenire:

  • miglioramento della viabilità interna, ripristino del manto stradale della via principale e bitumazione delle strade sterrate che danno accesso alle varie aziende;
  • questione ponte sul fiume Crati: instaurazione di rapporti di collaborazione con gli enti preposti al fine di individuare le competenze per il miglioramento dell’intero tratto stradale che collega S. Sofia d’Epiro con lo svincolo autostradale Tarsia Sud;
  • efficientamento del servizio di illuminazione pubblica, anche attraverso l’istallazione di impianti alimentati da energie rinnovabili;
  • maggiore collaborazione con le forze dell’ordine al fine di garantire una maggiore sicurezza;
  • individuazione, tra i membri del proprio gruppo politico, di un delegato che dedicherà la propria attenzione alla zona industriale, collaborando attivamente con gli imprenditori dell’area, alla ricerca di soluzioni tali da garantire lo sviluppo della zona.

In difesa dei più deboli

Servizi Sociali, Sanità, Diversamente Abili

 

L’ambito dei servizi sociali oggi nell’attività amministrativa trova sempre meno spazio. La diminuzione di risorse messe a disposizione dagli enti statali, regionali e provinciali e gli esigui fondi comunali da poter destinare a tale servizio, non sono sufficienti per poter fronteggiare l’emergenza sociale che esiste in questo momenti storico nella nostra comunità.

Le famiglie povere sono sempre di più e i servizi erogati sono sempre minori.

Per queste motivazioni è necessario che gli amministratori si impegnino, in tale settore, in maniera incisiva e in modo tale da sopperire ai servizi che gli enti non possono più offrire.

Ecco i punti fondamentali su cui intervenire:

– conoscenza approfondita del tessuto sociale della nostra comunità, situazione residenziale, sociale, economica e sanitaria dei cittadini al fine di avere il controllo delle problematiche e trovare repentinamente gli strumenti per la risoluzione e prevenzione delle problematiche evinte;

– creare uno sportello di ascolto polivalente dove raccogliere le esigenze dei singoli e delle famiglie e stabilire convenzioni/collaborazioni con enti competenti;

– studiare percorsi e progetti per l’inclusione sociale dei soggetti diversamente abili;

– sensibilizzare i cittadini e informarli dei possibili beni e/o servizi di cui possono usufruire (es. banco alimentare, giornate per la prevenzione ecc.);

– studiare forme di intervento qualificate e mirate al contrasto del degrado sociale e personale;

– favorire la creazione di un’associazione di volontariato con persone impegnate alla soddisfazione (con il sostegno dell’ente comunale) dei bisogni dei cittadini in stato di necessità.

Paghiamo tutti, paghiamo meno

Bilancio e tributi

 

Oggi più che nel passato, anche quello più recente, accertare e riscuotere le entrate per un Comune è di importanza fondamentale, nell’esclusivo interesse dei cittadini amministrati.

Infatti tale attività, se svolta in maniera poco attenta, potrebbe incidere negativamente sui patrimoni dei cittadini stessi.

Le entrate correnti statali diminuiscono di anno in anno e di conseguenza molti servizi erogati devono essere garantiti con i fondi derivanti dai tributi locali.

La nostra amministrazione, nel rispetto rigoroso dell’equità sociale, nell’espletamento delle proprie funzioni, cercherà di gravare sempre meno nei bilanci delle famiglie sofiote, ma questo potrà avvenire solo se vengono individuate quelle sacche di evasione ed elusione che impediscono la diminuzione delle tariffe ed il miglioramento dei servizi.

Il principio pagare tutti pagare meno mai come ora ha un senso, ed il nostro lavoro sarà rivolto a combattere tale malessere per poter diminuire i tributi locali a tutti i cittadini.

Salvaguarderemo gli equilibri di bilancio, ponendo molta attenzione alle necessità primarie del comune, tutelando in particolar modo le fasce più deboli. Siamo determinati a fare una politica di bilancio “virtuosa”. Vogliamo provare a ridare un po’ di respiro ai cittadini sofioti riducendo il più possibile le imposte locali attraverso la riduzione degli sprechi che potrà rendersi possibile sin da subito mediante la realizzazione dei seguenti punti:

– efficientamento energetico di tutti gli edifici attraverso un utilizzo razionale delle strutture, il controllo sui consumi ed il miglioramento delle tecnologie;

– razionalizzazione dell’illuminazione pubblica e introduzione luci a led;

– potenziamento della raccolta differenziata con un maggior controllo dei conferimenti in discarica;

– promozione di iniziative atte ad incentivare l’utilizzo delle strutture presenti sul territorio coprendone così i costi di gestione;

– partecipazione a tutti i bandi e in particolare a quelli che non prevedono la compartecipazione della spesa da parte dell’Ente, qualora l’intervento finanziabile non risulta essere di primaria importanza per la comunità;

– programmazione degli interventi e le spese anticipatamente, cercando di coprire la maggior parte di queste mediante i finanziamenti regionali e/o comunitari, limitando così al minimo possibile le spese “impreviste “che lasciano poco spazio al risparmio.

I giovani di oggi, talenti di domani

Cultura – Politiche Giovanili – Pubblica Istruzione

 

Il settore culturale detiene una fondamentale importanza nel nostro programma di governo. La comunità Sofiota da sempre esprime una vivacità culturale varia e versatile. Un grande valore aggiunto è rappresentato dalle strutture Comunali già esistenti, che dovranno divenire “contenitori permanenti” in grado da ospitare le iniziative Culturali di interesse ampio, trasversali e costanti dove si possano sfruttare le suddette strutture nella stagione invernale, mentre nella stagione estiva si andrà a valorizzare il Centro storico con le relative Piazze.

Idee progettuali:

  • Pianificazione di Stagione Concertistica.
  • Organizzare eventi artistici in collaborazione con enti e scuole.
  • Potenziare il ruolo della Biblioteca Comunale.
  • Valorizzare le Associazioni già attive e presenti sul territorio.
  • Individuare eventuali risorse finalizzate alla realizzazione degli eventi

 

PUBBLICA ISTRUZIONE

La nostra azione vuole mirare a una stretta collaborazione tra Amministrazione ed Istituzioni scolastiche, organizzando eventi mirati al confronto e alla crescita didattica.

POLITICHE GIOVANILI ED OCCUPAZIONE

Alla luce dei dati generali sull’occupazione giovanile l’Amministrazione Comunale da sola non è in grado di fornire soluzioni esaustive su tali problematiche, ma per la parte di sua competenza può e deve avere un ruolo trainante nel rilancio dell’economia locale:

  • Attuare una mappatura dei giovani disoccupati e uno studio dei bisogni delle imprese, individuando forme di associazione tra gli operatori economici (cooperative, associazioni, imprese, operatori turistici) che abbiano come unico obiettivo quello di fare rete;
  • Istituire uno sportello infogiovani per il sostegno occupazionale.
  • Incentivare le cooperative no-profit, che intervengono su tematiche sociali e di interesse collettivo, di servizi alla persona e alle famiglie e pubblica utilità.

Partenariato Pubblico: opportunità per investimenti comunali

Per i comuni italiani, spettatori di una riduzione dei propri spazi di manovra, il mercato del partenariato pubblico privato (PPP) si configura come una grossa possibilità per sostenere il proprio fabbisogno di investimenti.

Il Partenariato Pubblico Privato, infatti è una serie di possibilità di incontro tra interessi e risorse di interessi di soggetti pubblici e privati, che insieme amplificano le potenzialità di investimento, incentivando la qualità progettuale e facilitano l’individuazione delle opere prioritarie per cittadini e territori.

Tra il 2002 e il 2017 i comuni sono i primi committenti sui bandi; grazie al (PPP) i comuni sono di fatti riusciti ad alimentare in media il 12.3% delle opere pubbliche andando a coprire circa un terzo del valore di queste ultime, pari al 31.4%.

Il PPP rappresenta un elemento costante, a livello nazionale, nelle policy finanziarie e infrastrutturali dei Comuni: il 67% di questi ha attivato tale procedura negli anni tra il 2002 e 2017, con il 44% nei comuni con meno di 2000 abitanti.

Alla luce di tali dati è nostra intenzione, al fine di accrescere le potenzialità del PPP, agire su un miglioramento della capacità amministrativa e delle competenze tecniche degli enti concedenti al fine di garantire una efficiente ed efficace funzione di programmazione, progettazione, valutazione e controllo. Tutto ciò al fine di dimostrare e di provare ad attuare che il PPP garantisce effettivamente il miglior rapporto costi/benefici tutelando l’interesse pubblico. In conclusione crediamo fortemente nelle possibilità di tale modalità di azione, che può essere resa possibile da una normativa più stabile e meno frammentata con una costante azione di assistenza e formazione del personale.