Festa Sant’Atanasio, rispettiamo le regole

Per la festa patronale è necessaria la collaborazione di tutti, dovranno essere gironi di festa e non di divertimento.

Oggi entrano nel vivo le celebrazioni in onore del santo patrono ma ricordiamoci (e mi riferisco soprattutto a Noi giovani) che la nostra regione è classificata ancora “zona arancione” e nel nostro paese si registrano 10 casi di positività, alcuni di questi, tra l’altro, ricoverati presso strutture ospedaliere.

Per l’1 e 2 Maggio non abbiamo voluto apportare misure ancora più restrittive alle (già martoriate) attività economiche e abbiamo inteso non limitate l’accesso a nessuna aree pubblica.
Al contempo sono stati posti in essere – dopo diversi incontri con il parroco, rappresentanti del comitato festa, il comandante dei carabinieri e il vigile urbano – alcuni provvedimenti per prevenire ed evitare qualsiasi potenziale rischio di contagio.

Ma ciò che sarà indispensabile e la collaborazione di Voi tutti.
In particolare:
– Evitare qualsiasi forma di assembramenti sia in chiesa ma anche in qualsiasi luogo pubblico o provato;
– Indossare sempre la mascherina bei luoghi pubblici, sia all’aperto che al chiuso;
– Per chi partecipa alle celebrazioni, si raccomanda il rigoroso rispetto dei protocolli sottoscritti tra il Governo è la CEI;
– È vietata qualsiasi manifestazione al di fuori di quelle previste nel programma predisposto dal comitato festa e concordato con il parroco, il sindaco e il comandante della locale stazione.
– Si raccomanda di non sostare nei luoghi di maggiore afflusso e transito di persone;
Rammento inoltre che è stata emesso un ordinanza che prevede il divieto di sosta su l’intera piazza S. Atanasio dalle ore 18.00 di sabato 1 Maggio alle ore 13.00 di domenica 2 maggio.
Nella stessa ordinanza sono previste altre limitazioni alla circolazione.

Anche quest’anno dovremmo sopportare un 2 Maggio diverso rispetto a quello che siamo abituati a vivere; dobbiamo fare un ulteriore sacrificio, lo dobbiamo soprattutto alle persone del nostro paese che stanno combattendo ancora contro il covid.

L’augurio è di ritornare, l’anno prossimo, ad abbracciarci nel giorno più bello per S. Sofia.

Confido nel buon senso di tutti i sofioti.. buon senso che finora non è mai mancato e che è stato esemplare in diverse occasioni.

Ringrazio anticipatamente per l’indispensabile supporto, oltre che la locale caserma dei Carabinieri, anche la Polizia Provinciale, il Vigile Urbano e le Associazioni di volontariato che aiuteranno a gestire l’ordine pubblico.

Oggi entrano nel vivo le celebrazioni in onore del santo patrono ma ricordiamoci (e mi riferisco soprattutto a Noi giovani) che la nostra regione è classificata ancora “zona arancione” e nel nostro paese si registrano 10 casi di positività, alcuni di questi, tra l’altro, ricoverati presso strutture ospedaliere.

Per l’1 e 2 Maggio non abbiamo voluto apportare misure ancora più restrittive alle (già martoriate) attività economiche e abbiamo inteso non limitate l’accesso a nessuna aree pubblica.
Al contempo sono stati posti in essere – dopo diversi incontri con il parroco, rappresentanti del comitato festa, il comandante dei carabinieri e il vigile urbano – alcuni provvedimenti per prevenire ed evitare qualsiasi potenziale rischio di contagio.

Ma ciò che sarà indispensabile e la collaborazione di Voi tutti.
In particolare:
– Evitare qualsiasi forma di assembramenti sia in chiesa ma anche in qualsiasi luogo pubblico o provato;
– Indossare sempre la mascherina bei luoghi pubblici, sia all’aperto che al chiuso;
– Per chi partecipa alle celebrazioni, si raccomanda il rigoroso rispetto dei protocolli sottoscritti tra il Governo è la CEI;
– È vietata qualsiasi manifestazione al di fuori di quelle previste nel programma predisposto dal comitato festa e concordato con il parroco, il sindaco e il comandante della locale stazione.
– Si raccomanda di non sostare nei luoghi di maggiore afflusso e transito di persone;
Rammento inoltre che è stata emesso un ordinanza che prevede il divieto di sosta su l’intera piazza S. Atanasio dalle ore 18.00 di sabato 1 Maggio alle ore 13.00 di domenica 2 maggio.
Nella stessa ordinanza sono previste altre limitazioni alla circolazione.

Anche quest’anno dovremmo sopportare un 2 Maggio diverso rispetto a quello che siamo abituati a vivere; dobbiamo fare un ulteriore sacrificio, lo dobbiamo soprattutto alle persone del nostro paese che stanno combattendo ancora contro il covid.

L’augurio è di ritornare, l’anno prossimo, ad abbracciarci nel giorno più bello per S. Sofia.

Confido nel buon senso di tutti i sofioti.. buon senso che finora non è mai mancato e che è stato esemplare in diverse occasioni.

Ringrazio anticipatamente per l’indispensabile supporto, oltre che la locale caserma dei Carabinieri, anche la Polizia Provinciale, il Vigile Urbano e le Associazioni di volontariato che aiuteranno a gestire l’ordine pubblico.

Il sindaco Daniele Atanasio Sisca